• L'Episcopio di Sant'Andrea di Conza
  • Conza e Cairano visti da Sant'Andrea
  • Un'esplosione di fiori di melo
  • Nevicata del 19 gen 2021
  • Tramonto ... santandreano
  • Cairano sulla nebbia!
  • Arcobaleno
  • I monti del Cervialto innevati
  • Tramonto a Sant'Andrea di Conza (1)
  • Il lago di Conza visto da Sant'Andrea
  • Veduta di Sant'Andrea di Conza verso ovest
  • Cairano ... tra le nuvole
  • I monti del Cervialto ... gelati
  • Veduta della zona monumentale
  • Panorama da ovest
  • Tramonto a Sant'Andrea di Conza (2)
  • Sant'Andrea, Conza e il lago
  • Veduta da Cairano
  • L'Episcopio di Sant'Andrea di Conza

1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18

+++ Fra pochi giorni si svolgerà la Festa del Carmine. <-- Qui il collegamento alla Festa dell'anno scorso. +++ Un grande abbraccio al nostro padre spirituale che ci ha lasciati ma che sarà sempre con noi. Ciao Don Donato +++ Consulta il Calendario eventi

Contro l'emergenza caldo

Contro l'emergenza caldo

Clicca due volte per ingrandire

Il campanile della Chiesa Madre

Il Campanile della Chiesa Madre
Il Campanile della Chiesa Madre

Sopravvissuto agli eventi sismici del 23 novembre 1980, è stato consolidato e riportato alla piena funzionalità: l'originale e magnifico suono delle campane ha ripreso a diffondersi imponente.
La Chiesa Madre, alla quale è annesso, è stata pressochè ricostruita ex-novo ma con un intervento che ne ha stravolto l'impianto originario (è stato successivamente realizzato un intervento di risistemazione della copertura e dell'abside).

"L'impianto originario della navata centrale probabilmente risaliva al XIII sec. mentre alla metà del XIX risalivano i due cappelloni dedicati a S. Andrea e S. Emidio.
L'Arcivescovo Giuseppe Nicolai nel XVIII sec. dotò la chiesa di preziosi arredi tra i quali l'importante cantoria, organo in legno intagliato con al centro lo stemma episcopale oggi completamente perduto a causa degli ultimi eventi sismici.
Il sacro edificio fu già danneggiato con il terremoto del 7 giugno 1910 e restaurato per interessamento dell'arciprete Michele Giorgio.

La chiesa, in pianta, appariva, prima del terremoto che ha causato danni ingenti distruggendo totalmente la navata centrale e quella laterale destra, come una grossa aula rettangolare ripartita in tre navate con ai lati i corpi quadrati dei due simmetrici cappelloni coperti da una cupola a base circolare.
Le navate erano scandite da quattro arcate a tutto sesto sorrette da pilastri a pianta rettangolare.
L'edificio si concludeva con un abside rettangolare."(1)


(1) Da: "Gabriele Giorgio, S. ANDREA DI CONZA fatti, immagini e documenti di ieri e di oggi", (numero monografico di Civiltà Altirpina, supplemento al fasc. 1, Gen-Giu 1993).


Calendario eventi

Suggerimenti

Galleria Bellini

Visite

Detti e proverbi

Casa (mangiare)

La stëndinä è llongä e strettä, ma së cunnucë la casä cu tuttö lu tettö (L'intestino, cioè l'ingordigia, può portare alla rovina)

Il tempo a ...

Soprannomi

Mulenaro

Origine: Mest. o profess.; persona: Cignarella Giuseppina; note: Derivante dal nonno Ricciardiello; sugger: Totonno

Tipicità

I luoghi

Contattaci

Non esitare a contattarci utilizzando lo specifico modulo contatti.

space

space


Scopo del sito

Queste pagine vorrebbero innanzitutto far conoscere Sant'Andrea di Conza ai "naviganti" del Web ma soprattutto riavvicinare tutti i Santandreani sparsi per il mondo, magari per sollecitare i residenti al rispetto della "sua" identità. Sono graditi suggerimenti e commenti.

(Rosario Cignarella)
Prima pubblicazione: 19 febbraio 1999


We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.